La leishmaniosi canina: una malattia "astuta" ed in crescita
Canine Leishmaniasis (Canine Leishmaniosis): a "clever" disease

La Leishmaniosi è una grave malattia infettiva del cane, potenzialmente
trasmissibile all'uomo, causata dal protozoo Leishmania infantum. La
trasmissione della malattia avviene attraverso la puntura dei Flebotomi
(Phlebotomus perniciosus) noti anche come Pappataci: piccoli insetti
ematofagi simili alle zanzare, ma più piccoli e silenziosi (da cui il nome
pappa-taci). Questi insetti popolano le zone pianeggianti pedecollinari e le
colline dell'Emilia Romagna dalla romagna al reggiano e sono diffusi in tutto
il bacino del mediterraneo (Spagna, Francia, isole, Grecia).

La peculiarità di questo protozoo è il modo con cui ha sviluppato la capacità
di eludere le difese immunitarie dell'ospite, letteralmente "ingannandole" e
confondendole ed invitandole ad impegnare tutte le proprie forze contro
nemici immaginari con sforzi inutili. Metaforicamente parlando si comporta
come un infiltrato che travestito da Generale detta ordini volutamente
sbagliati all'esercito.

I Flebotomi o Pappataci sono insetti di colore giallo pallido o sabbia di
piccole dimensione da 2 a 4 mm. Il loro corpo è ricoperto da una fitta
peluria che interessa anche le grandi ali.

I Pappataci hanno attività stagionale, indicativamente da fine maggio fino
ad metà/inizio ottobre con picchi di attività in luglio e agosto. Sono attivi
specificatamente durante le ore serali e notturne e, tramite il pasto di
sangue, veicolano la Leishmania infantum da un cane malato ad un cane
sano.

Non tutti i cani che "incontrano" la leishmania sviluppano la malattia, ma
quando questo accade, il cane può ammalarsi gravemente. Per questi motivi
è indispensabile una diagnosi precoce ed è consigliato almeno un test del
sangue all'anno o 2 mesi dopo un periodo di esposizione in zona endemica.
E' poi necessario cercare in tutti i modi di evitare la malattia attraverso
diverse azioni, ognuna con i suoi pregi e difetti:

- azione repellente. Utilizzare sostanze che tengono lontani i pappataci
(un pò come l'Autan quando noi andiamo in campagna)
- evitare l'esposizione: utilizzare ambienti di sera e di notte protetti da
zanzariere
- vaccinare il cane
- utlizzare farmaci che stimolano le difese capaci di contrastare la
Leishmnaia (cioè che impartiscono disposizioni efficaci alle difese
immunitarie)
Per tutte queste azioni (che hanno pregi e limiti) è bene consultare il
veterinario.

Leishmania infantum is the most common and important cause of canine
leishmaniasis worldwide. Although referred to as canine leishmaniosis in
most of the world, many in North America still use the historic form
leishmaniasis; CAPC considers the two terms synonymous. In areas where
these parasites are endemic, dogs are at risk of infection.

The disease is transmitted by the bite of the sandfly (Phlebotomus
perniciosus) also known as Pappataci: small bloodsucking insects similar to
mosquitoes, but smaller and quieter (hence the name jelly-silent). These
insects inhabit the foothill flatlands and hills of Emilia Romagna from
romagna to reggiano and are spread around the Mediterranean (Spain,
France, islands, Greece).

The sandfly or Pappataci insects are pale yellow or sand of small size from
2 to 4 mm. Their body is covered with thick hair that's interesting the
great wings.

The peculiarity of this protozoan is the way in which he developed the
ability to evade the host's immune defenses, literally "deceiving" or
confusing them and inviting them to commit all its forces against imaginary
enemies with useless efforts. Metaphorically speaking behaves like an
infiltrator disguised as General that deliberately gives wrong orders to the
army.

Not all dogs that "meet" Leishmania develop the disease, but when it
happens, the dog can become seriously ill. For these reasons it is essential
to diagnos it early and it is recommended at least one blood test each
year, or two months after a period of exposure in an endemic
area.Therefore it becomes necessary to avoid in every way the disease
through several actions, each with its strengths and weaknesses:

- Repellent action. Use such substances that keep away the gnats (a bit
like the Autan when we go in the country)
- Avoid exposure: stay in rooms protected by mosquite nets in late
afternoon and at night
- Vaccinate the dog
- Use drugs that stimulate the defenses against Leishmnaia (ie able to
imparting effective orders to the immune system)
For all these actions (which have merits and limitations) you should consult
your veterinarian.

See more: https://www.capcvet.org/capc-recommendations/canine-
leishmaniasis



Centro Veterinario Bolognese srl
Clinica veterinaria G. Semprini
Via Montenero 24/a 40131 Bologna
Tel.: 051 6491706   h24
News - Novità
03/2017: Dr Alpino presenta Short Com presso SIMUTIV, Cremona
01/2017 Incarico per le cure ai cani a.d. Guardia di Finanza
01/2017 Dr Tripaldi Resp. attività Clinica
09/2016 26th Annual Congress ECVIM, Studio
05/2016 Congresso Internazionale SCIVAC di Rimini.
V^ Seminario Nazionale S.I.C.E.V.; Prato 11-12 marzo 2016
News - Novità
01/2017 Incarico per le cure ai cani a.d. Guardia di Finanza
01/2017 Dr Tripaldi Resp. attività Clinica
09/2016 26th Annual Congress ECVIM, Studio
05/2016 Congresso Internazionale SCIVAC di Rimini.
V^ Seminario Nazionale S.I.C.E.V.; Prato 11-12 marzo 2016
News - Novità
01/2017 Incarico per le cure ai cani a.d. Guardia di Finanza
01/2017 Dr Tripaldi Resp. attività Clinica
09/2016 26th Annual Congress ECVIM, Studio
05/2016 Congresso Internazionale SCIVAC di Rimini.
V^ Seminario Nazionale S.I.C.E.V.; Prato 11-12 marzo 2016
News - Novità
01/2017 Incarico per le cure ai cani a.d. Guardia di Finanza
01/2017 Dr Tripaldi Resp. attività Clinica
09/2016 26th Annual Congress ECVIM, Studio
05/2016 Congresso Internazionale SCIVAC di Rimini.
V^ Seminario Nazionale S.I.C.E.V.; Prato 11-12 marzo 2016
News - Novità
01/2017 Incarico per le cure ai cani a.d. Guardia di Finanza
01/2017 Dr Tripaldi Resp. attività Clinica
09/2016 26th Annual Congress ECVIM, Studio
05/2016 Congresso Internazionale SCIVAC di Rimini.
V^ Seminario Nazionale S.I.C.E.V.; Prato 11-12 marzo 2016
24 ore su 24
Centro Veterinario Bolognese s.r.l.
Clinica Veterinaria Privata Dott. G. Semprini

Tel.: 051 6491706   h24
Via Montenero 24/a 40131 Bologna - Italy
Powered by G. Semprini - CVB srl
P.IVA 02550081208